NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy per il Sito Web (art. 13 D.lgs. 196/03)
Nella presente pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell’informativa resa ai densi dell’art 13 del D.lgs n° 196/2006 – Codice in materia di protezione dei dati personali - a coloro che interagiscono con i servizi web dell’azienda, accessibili per via telematica a partire dagli indirizzi:
http://www.confederazioneconfraternite.org
L’informativa è resa solo per il presente sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link. Visitando il sito web sopra indicato si accettano implicitamente le prassi descritte nella presente Informativa sulla Privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il Titolare del trattamento è : Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d’Italia - Via Aurelia n. 796 - 00165 Roma
LUOGO DI TRATTAMENTO I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico dell’Ufficio incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali, la cui trasmissione è implicita nell’uso di protocolli di comunicazione internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per la loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare l’utente.
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste , l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine , errore, etcc..) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.
L’Uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitanoil ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

Questo sito fa utilizzo di Google Maps, un servizio di fruizione di carte geografiche di Google Inc. Per quanto riguarda l’utilizzo dei Cookie da parte di Google Maps e come controllarli si rimanda al loro link ufficiale:  http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/

Questo Sito fa utilizzo di AddThis uno strumento atto a condividere argomenti/pagine sui social network, per quanto riguarda l'utilizzo dei cookie da parte di AddThis, si rimanda al loro link ufficiale:http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy 
Volendo potreste impedire ad AddThis il rilevamento dei cookie generati dal sito e la loro lettura utilizzando le istruzioni sulla pagina http://www.addthis.com/privacy/opt-out 

Questo sito contiene pulsanti e widget per la condivisione di contenuti sul social network Facebook. Per quanto riguarda l’utilizzo dei Cookie da parte di Facebook e come controllarli si rimanda al loro link ufficiale:  https://www.facebook.com/about/privacy/

Facoltatività del conferimento di dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta o comunque indicati nella sezione “contatti” per sollecitare l’invio di informazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Modalità del trattamento

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione ed il blocco (si veda per completezza l’art. 7 del D.lgs 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di richiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso , per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste verranno rivolte al titolare del trattamento Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d’Italia - Via Aurelia n. 796 - 00165 Roma . La presente costituisce la Privacy Policy di questo sito che sarà soggetta ad aggiornamento periodico.

Sportello giuridico - Tradere 25

AddThis Social Bookmark Button
Quesito. Una Confraternita sta per essere commissariata. Quali sono i passaggi attraverso i quali ciò avviene? Gli organi in carica devono essere preventivamente interpellati?

Risposta. L’intervento straordinario nell’amministrazione delle Confraternite è previsto e disciplinato dal Codice di Diritto Canonico, che al can. 318 così recita al § 1: “In circostanze speciali, se lo richiedono gravi motivi, l’autorità ecclesiastica di cui al can. 312 può designare un Commissario che in suo nome diriga temporaneamente l’associazione”. Trattandosi di intervento sostitutivo, lo stesso non può protrarsi a lungo, ma dovrebbe essere limitato al tempo necessario per il superamento delle anomalie eventualmente riscontrate. Peraltro, lo stesso can. 318, al § 2, così stabilisce: “Il moderatore di un’associazione pubblica di fedeli può essere rimosso, per giusta causa, da chi lo ha nominato o confermato, tuttavia dopo aver sentito sia il moderatore stesso, sia gli officiali maggiori dell’associazione, a norma degli statuti”. Di norma, comunque, la citata normativa è richiamata all’interno sia degli “schemi di statuto” elaborati dal Vescovo diocesano e sia degli statuti/regolamento adottati dal Centro Diocesano di riferimento.

Quesito.
Molte Confraternite “storiche” aventi scopo esclusivo o prevalente di culto (anche se poco o nulla attive) non hanno ancora chiesto l’accertamento, agli effetti civili, del fine di culto. Cosa occorre fare per provvedere in tal senso?

Risposta. Premesso che già i Patti concordatari del 1929 prevedevano che le Confraternite esistenti alla data del 7 giugno 1929 dovessero richiedere tale riconoscimento, mediante circolare del Ministero degli Interni n. 111 del 20 aprile 1998 sono stati stabiliti i documenti necessari da presentare per ottenere il riconoscimento ai fini civili dello scopo di culto. La circolare n. 28 del Comitato Enti e beni ecclesiastici della C.E.I. ha ben illustrato tutto ciò, corredandolo anche di un fac-simile di domanda, che potete anche richiedere alla Confederazione.
Ciò premesso, ecco intanto la lista dei documenti occorrenti:
  1. Istanza in bollo, datata e sottoscritta dal rappresentante legale;
  2. Assenso dell’Ordinario diocesano;
  3. Decreto di erezione canonica (munito di traduzione se scritto in latino) o, in mancanza, attestato sostitutivo dell’Ordinario diocesano;
  4. Verbale dell’assemblea della Confraternita, da cui risulti la volontà di chiedere il riconoscimento del fine prevalente o esclusivo di culto;
  5. Documenti comprovanti l’esistenza della Confraternita alla data del 7 giugno 1929;
  6. Statuto sociale;
  7. Prospetti economici analitici relativi all’ultimo quinquennio di attività della Confraternita, sottoscritti dal rappresentante legale;
  8. Relazione storico-illustrativa dettagliata inerente le vicende della Confraternita e l’attività svolta dall’origine fino alla data attuale, indicante anche il numero dei Confratelli e loro nominativi.
La domanda deve essere inviata al Ministero degli Interni per il tramite delle Prefetture.
 
Quesito. Una Confederazione diocesana, a fini di censimento, impone ad una Confraternita di dichiarare dati personali dei singoli confrati ed elementi del proprio stato economico-patrimoniale (beni mobili e immobili, ecc.) nonché gli estremi di eventuali conti correnti e le somme possedute. Poiché la Confraternita già adempie all’obbligo di sottoporre i propri bilanci all’Ordinario diocesano, sussiste l’obbligo di rispondere fornendo i dati richiesti?

Risposta.
In via ordinaria la suddetta Confederazione non può chiedere i dati in questione, poiché per la parte amministrativa la Confraternita risponde solo all’Ordinario, così come previsto dal Codice di Diritto Canonico e dallo Statuto, mentre per la richiesta dei dati riguardanti gli iscritti ci si deve attenere alla cosiddetta “legge sulla privacy”. Infatti, atteso che per quanto previsto da tale legge i dati di appartenenza ad una fede religiosa sono considerati “sensibili”, la comunicazione dei dati relativi può avvenire solo in presenza di espresso consenso dei titolari degli stessi, in mancanza del quale si possono prefigurare anche risvolti penali.
Ovviamente, se lo Statuto della Confederazione diocesana prevede diversamente, la Confraternita dovrà aderire alla richiesta, sempre che tali norme particolari non confliggano con l’ordinamento generale.
 
Quesito. Presso un importante Santuario risulta essere esistente, anche se “dormiente” da decenni, un’Arciconfraternita devozionale ivi istituita nel Cinquecento con Bolla pontificia. Poiché ultimamente sono pervenute diverse richieste di ammissione a tale Confraternita e vi è l’effettiva volontà di rivitalizzare il Sodalizio, quali sono i passi da compiere?
 
Risposta. Premesso che l’Arciconfraternita in questione è “associazione pubblica di fedeli” ai sensi del can. 298 del vigente C.D.C. si chiarisce quanto segue:
  1. Poiché il Sodalizio non è mai stato formalmente soppresso e atteso che non sono ancora trascorsi cento anni dalla morte dell’ultimo iscritto, si consiglia anzitutto di rinnovare lo Statuto in linea con il vigente C.D.C. e in armonia con le finalità istituzionali proprie;
  2. Anche se l’Arciconfraternita fu eretta con Bolla pontificia e il Santuario stesso sia soggetto alla S. Sede, la giurisdizione ordinaria sul sodalizio appartiene al Vescovo diocesano, quindi è sicuramente l’Ordinario ai sensi dei cann. 312 (§1, c 3°)-314-304-305 (§ 1 e 2) ad approvare il nuovo Statuto e nominare il nuovo Consiglio Direttivo.
  3. In ogni caso, le iscrizioni possono avvenire in qualunque momento, atteso che l’Arciconfraternita non è mai stata soppressa (can. 307).
  4. Come in antico, possono prevedersi diverse categorie di soci poiché ciò non è in contrasto col C.D.C.;
  5. I confratelli effettivi possono certamente svolgere servizio nel Santuario, ai sensi dei cann. 309 e 315;
  6. In via preliminare, per una Confraternita “dormiente” è opportuno chiedere all’Ordinario la nomina di un Commissario che gestisca il periodo transitorio di riattivazione, indi redigere un nuovo Statuto che – una volta approvato – consentirà di eleggere un Consiglio Direttivo che amministri il Sodalizio.