NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy per il Sito Web (art. 13 D.lgs. 196/03)
Nella presente pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell’informativa resa ai densi dell’art 13 del D.lgs n° 196/2006 – Codice in materia di protezione dei dati personali - a coloro che interagiscono con i servizi web dell’azienda, accessibili per via telematica a partire dagli indirizzi:
http://www.confederazioneconfraternite.org
L’informativa è resa solo per il presente sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link. Visitando il sito web sopra indicato si accettano implicitamente le prassi descritte nella presente Informativa sulla Privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il Titolare del trattamento è : Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d’Italia - Via Aurelia n. 796 - 00165 Roma
LUOGO DI TRATTAMENTO I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico dell’Ufficio incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali, la cui trasmissione è implicita nell’uso di protocolli di comunicazione internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per la loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare l’utente.
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste , l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine , errore, etcc..) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

Cookies

Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.
L’Uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitanoil ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

Questo sito fa utilizzo di Google Maps, un servizio di fruizione di carte geografiche di Google Inc. Per quanto riguarda l’utilizzo dei Cookie da parte di Google Maps e come controllarli si rimanda al loro link ufficiale:  http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/

Questo Sito fa utilizzo di AddThis uno strumento atto a condividere argomenti/pagine sui social network, per quanto riguarda l'utilizzo dei cookie da parte di AddThis, si rimanda al loro link ufficiale:http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy 
Volendo potreste impedire ad AddThis il rilevamento dei cookie generati dal sito e la loro lettura utilizzando le istruzioni sulla pagina http://www.addthis.com/privacy/opt-out 

Questo sito contiene pulsanti e widget per la condivisione di contenuti sul social network Facebook. Per quanto riguarda l’utilizzo dei Cookie da parte di Facebook e come controllarli si rimanda al loro link ufficiale:  https://www.facebook.com/about/privacy/

Facoltatività del conferimento di dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta o comunque indicati nella sezione “contatti” per sollecitare l’invio di informazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Modalità del trattamento

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione ed il blocco (si veda per completezza l’art. 7 del D.lgs 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di richiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso , per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste verranno rivolte al titolare del trattamento Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d’Italia - Via Aurelia n. 796 - 00165 Roma . La presente costituisce la Privacy Policy di questo sito che sarà soggetta ad aggiornamento periodico.

5° Convegno Ecclesiale di Firenze - 2015

AddThis Social Bookmark Button

Il Convegno di Firenze ha visto riunirsi esponenti delle più rilevanti realtà ecclesiali aggregative ed organizzative, al fine di coordinare progetti e linee d’azione per la Chiesa dei prossimi anni. Insieme ai laici, fra i quali moltissimi giovani, anche esponenti religiosi delle Diocesi italiane e delle varie istituzioni e organizzazioni. I lavori si sono articolati su cinque direttrici o “vie”: Uscire, Annunciare, Abitare, Educare, Trasfigurare. Ognuna di queste “vie” ha costituito un laboratorio, un tavolo di lavoro, nei quali sono stati distribuiti i congressisti. Impossibile condensare in poche righe il fruttuoso risultato del Convegno ma ci piace intanto riportare un passo significativo del resoconto a firma di Matteo Liut sul giornale “Avvenire” del 12 novembre:

È il tempo del “laboratorio”, il momento di mettere sul tavolo idee, speranze, richieste e, perché no, perplessità, dubbi, delusioni. Il lavoro dei delegati al Convegno ecclesiale nazionale di Firenze non è semplice perché «non esistono formule magiche o soluzioni precostituite» eppure tutti sono consapevoli dell’urgenza di tradurre nel concreto della vita quotidiana delle comunità cristiane gli spunti emersi”.

Il cronista riporta poi alcuni commenti raccolti fra gli esponenti più rappresentativi intervenuti al Convegno, fra cui il nostro Presidente. Quindi così continua Matteo Liut: Anche Francesco Antonetti, presidente della Confederazione delle Confraternite d’Italia, insiste sulla necessità di un cammino condiviso. «I numerosissimi membri delle confraternite sentono sempre di più l’esigenza di crescere insieme, di intraprendere percorsi formativi che sappiano valorizzare il saldo fondamento di fede alla base di questo tipo di appartenenza». Insomma, lo stile della sinodalità non deve escludere l’identità specifica di associazioni e movimenti, che a Firenze stanno dando il loro prezioso contributo ai lavori. Qui è stato giustamente focalizzato, quindi, il grande contributo dell’associazionismo cattolico, peraltro riconosciuto anche in sede di lavori congressuali. In particolare, dobbiamo aggiungere noi, assume grande rilevanza la nostra Confederazione, atteso che essa conta oltre un milione di associati nelle varie migliaia di Confraternite.  

Il Presidente Antonetti ha partecipato ad uno dei gruppi di lavoro dedicati alla via del “Trasfigurare”, nel quale ha potuto evidenziare il tesoro di fede e devozione recato dalla pietà popolare di cui le Confraternite sono portatrici primarie da secoli. Sono state individuate linee d’azione riconducibili a tre grandi ambiti: Parola di Dio, liturgia e carità. Il documento finale del “Trasfigurare” – sottotitolato “Sintesi e proposte” – è stato redatto a cura di Fr. Goffredo Boselli, monaco di Bose e liturgista. Al riguardo riportiamo un passo di tale relazione:

Infine, come terza linea di azione, sono stati indicati i luoghi di trasfigurazione dell’umano nell’esercizio di una carità capace di accogliere e coinvolgere tutti con umiltà, disinteresse e gioia delle beatitudini, come il Papa ci ha ricordato. […] La contemplazione del volto di Cristo trasfigurato ci deve spingere concretamente nel quotidiano a testimoniare la gioia dell’essere cristiani, facendoci prossimo agli uomini e alle donne che incontriamo. La cura delle relazioni e la tenerezza nel modo di presentarci, ci facciano sentire compagni di viaggio e amici dei poveri e dei sofferenti”.

Nell’ambito di questo aspetto, è stato evidenziato il ruolo che può avere la pietà popolare, un argomento sul cui valore il Presidente Antonetti ha molto puntato ed insistito, conscio del ruolo fondamentale che sul tema le Confraternite hanno certamente nel passato e nel presente, ma soprattutto nella prospettiva di quanto ancora di più fattivo potranno dare alla Chiesa nel futuro. Nel documento di Fr. Boselli che, va ricordato, è solo una sintesi esemplificativa del grande lavoro collegiale, ecco il passo che accoglie e valorizza l’apporto del Presidente:

Infine, la pietà popolare vissuta come un’opportunità e non come un problema pastorale. Sicuramente bisognosa di evangelizzazione, ma non di emarginazione; risorsa utile per formare la coscienza civile e legale, dare consistenza al radicamento sul territorio e alla appartenenza ad una comunità. Forse in alcune aree del nostro Paese è stata accantonata, mentre si rivela importante per la fede del popolo di Dio, per i semplici e, senza dubbio, potrebbe svolgere un ruolo importante nel tenere i legami tra le generazioni.

La Rivista - Tradere

La Parola dell'Assistente

S.E. Rev.ma Mons. Mauro Parmeggiani - Vescovo di Tivoli

La Galleria del Santo Padre

Il Santo Padre

Servizio Informazione Religiosa